Rinnovo della Commissione regionale per il paesaggio di cui all’art. 71 della L.R. n. 24 del2017 e dell’art. 137 del D.Lgs. n. 42 del 2004 – Richiesta di designazione dei candidati esterni Esperti in materia di paesaggio

In riferimento alla richiesta pervenuta da parte della Regione E.-R. relativa alla designazione di nominativi in rappresentanza dell’Ente ai fini della individuazione e nomina di Esperti di paesaggio all’interno del Commissione regionale per il paesaggio della Regione Emilia-Romagna, l’Ordine degli Architetti P.P.C. di Ferrara

CHIEDE

a tutti gli iscritti che fossero interessati e in possesso dei requisiti richiesti, di inoltrare la propria candidatura unitamente al Curriculum Vitaetramite mail all’indirizzo segreteria@ordinearchitetti.fe.it entro e non oltre il giorno martedì 19 gennaio 2021 alle ore 12:00. Le candidature pervenute verranno inviate alla Federazione degli Ordini degli Architetti dell’E.-R. che a sua volta provvederà a designare le terne da inviare alla Regione E.-R. che provvederà infine alla nomina della Commissione.

Non saranno prese in considerazione le segnalazioni ricevute prive di curriculum vitae oppure inviate successivamente alla data di scadenza indicata. L’individuazione degli Esperti di paesaggio, sulla base dell’istruttoria tecnica, sarà oggetto di deliberazione della Giunta regionale. La Commissione regionale verrà successivamente nominata con decreto del Presidente della Regione, e durerà in carica 5 anni. La sua sede è presso la Regione Emilia-Romagna.

Requisiti richiesti per la designazione

I componenti esterni di cui si tratta verranno individuati tra i soggetti di qualificata, pluriennale e documentata professionalità ed esperienza nella materia della tutela del paesaggio. In particolare, si specificano di seguito alcuni campi di professionalità/esperienza che si richiede siano di competenza dei designati:

– pianificazione territoriale e paesaggistica;
– tutela, valorizzazione e gestione del paesaggio;
– progettazione edilizia e urbanistica;
– tutela beni archeologici, architettonici e culturali;
– tutela dell’ambiente, della natura e degli aspetti geomorfologici;
– analisi e rappresentazione del territorio;
– gestione del territorio rurale e forestale.

La conoscenza e l’esperienza dei designati si deve intendere relativamente alle singole macro-aree territoriali sopra indicate.

Il possesso dei requisiti richiesti verrà valutata dal Servizio regionale competente attraverso l’analisi del curriculum vitae individuale, senza il quale la candidatura sarà considerata non valida. Si precisa che in base alla normativa vigente, la partecipazione ai lavori della Commissione regionale per il paesaggio non dà luogo al riconoscimento di indennità, compensi, gettoni di presenza o altri emolumenti, comunque denominati (art. 71, comma 6, L. R. n. 24 del 2017).

In base all’art. 7, comma 3, del “Regolamento per il funzionamento della Commissione regionale per il paesaggio” approvato con la DGR n. 1611 del 16/11/2020, è fatto salvo esclusivamente il rimborso delle spese vive sostenute degli Esperti di paesaggio nella misura prevista dalla legislazione regionale in vigore per il trattamento di missione, qualora le sedute della Commissione regionale si svolgano al di fuori della sede ordinaria, ovvero qualora la partecipazione ai lavori imponga l’effettuazione di sopralluoghi necessari allo svolgimento dell’esame delle proposte. Per ottenere tale rimborso sarà necessario presentare le opportune attestazioni formali.