PRATICHE E MODELLI DI RICOSTRUZIONE E PIANIFICAZIONE POST SISMA

Corso di aggiornamento gratuito cofinanziato dal FSE

Il Centro di Ricerche Urbane, Territoriali e Ambientali (CRUTA) dell’Università di Ferrara e il Consorzio Formedil Emilia Romagna, in collaborazione con il Comune di Ferrara, la Cattedra Unesco in Urban and Regional Planning for Local Sustainable Development dell’Università degli Studi di Ferrara, l´Associazione per la Commissione Nazionale UNESCO – Italia onlus (e l’Alto Patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO) e Tecton Soc. Coop., presentano un corso innovativo e di alta qualificazione per tecnici (liberi professionisti e funzionari delle Pubbliche Amministrazioni) interessati ad approfondire le conoscenze relative ai temi della ricostruzione edilizia, del recupero e della nuova pianificazione urbanistica nelle aree della Pianura Padana Emiliana colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012.

Il corso è stato presentato all’interno del bando della Regione Emilia Romagna “Invito a presentare Operazioni a sostegno dei territori e della popolazione colpita dagli eventi sismici – Primo provvedimento” (Delib. di G.R. n. 1933/2012 e alla successiva integrazione di cui alla Delib. di G.R. n. 362/2013) ed è stato approvato con Atto di Approvazione n.1142 del 2/8/2013. L’attività è cofinanziata dal Contributo di Solidarietà del Fondo Sociale Europeo per le aree colpite dal sisma del maggio 2012.

Il corso di aggiornamento ‘Pratiche e Modelli di Ricostruzione e Pianificazione Post Sisma’ (rif. PA 2012-2410/RER-progetto n° 1 – durata 180 ore) è parte del più ampio programma ‘2PxE: Pianura Padana Emiliana: Ricostruire il Territorio/Fabbricare il Futuro’, a favore dei territori terremotati, articolato in corsi di formazione, seminari, workshop, incontri fra esperti, nazionali ed internazionali, professionisti privati, tecnici pubblici (Comuni, Province, Regione, Sovrintendenza, ecc.), finalizzato ad ampliare le conoscenze tecniche e culturali per la ricostruzione e la ri-programmazione dei territori colpiti dal sisma e, in generale, da una catastrofe naturale.

Durata 180 ore di cui 30 in modalità project work
Sede Ferrara (presso le sedi di Università e Comune che verranno indicate a fine settembre 2013) Periodo di svolgimento: ancora da definire (dall’11 Ottobre 2013 al 17 gennaio 2014) .
Le lezioni si svolgeranno tutti i venerdì e sabato (12 ore settimanali)

Destinatari
Il percorso formativo è rivolto a 15 persone, con precedenza per i residenti e domiciliati nei comuni danneggiati dal sisma, ai sensi del decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze del 01/06/2012 e del decreto legge 74 del 06/06/2012, che intendano approfondire conoscenze e competenze in merito alla ricostruzione e pianificazione post sisma. Le azioni previste, per la loro sperimentalità e innovatività, saranno in ogni caso rivolte anche a persone residenti in altri territori della regione.
Saranno accettate domande da parte di giovani laureati in Ingegneria, Architettura, Pianificazione, Scienze Geologiche, Giurisprudenza, Economia ed Economia Aziendale.
Saranno valutate eventuali domande da parte di giovani laureati in Scienze della Comunicazione e in Mediatori di comunità, per gli aspetti collegati alla partecipazione dei cittadini. Potranno iscriversi anche diplomati Geometra e Periti Edili.

Nel caso di domande eccedenti verrà stilata una graduatoria sulla base dei titoli e delle esperienze professionali.

Note:
Elenco dei Comuni danneggiati dal sisma ai sensi del decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze del 01/06/2012 e del decreto legge n. 74 del 06/06/2012, così come convertito con l. n. 122/2012:
Provincia di Bologna: Argelato, Baricella, Bentivoglio, Castello d’Argile, Castel Maggiore, Crevalcore, Galliera, Malalbergo, Minerbio, Molinella, Pieve di Cento, Sala Bolognese, San Giorgio di Piano, San Giovanni in Persiceto, San Pietro in Casale, Sant’Agata Bolognese.
Provincia di Ferrara: Ferrara, Bondeno, Cento, Mirabello, Poggio Renatico, Sant’Agostino, Vigarano Mainarda.
Provincia di Modena: Bastiglia, Bomporto, Campogalliano, Camposanto, Carpi, Castelfranco Emilia, Cavezzo, Concordia sulla Secchia, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Nonantola, Novi di Modena, Ravarino, San Felice sul Panaro, San Possidonio, San Prospero, Soliera.
Provincia di Reggio Emilia: Boretto, Brescello, Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Gualtieri, Guastalla, Luzzara, Novellara, Reggiolo, Rio Saliceto, Rolo, San Martino in Rio

Principali contenuti

Il corso si articola nei seguenti moduli tematici:
– Rischio e vulnerabilità. Concetti e riferimenti teorici (8 ore)
– Gli interventi sui beni storico-monumentali: modelli e buone pratiche (14 ore)
– Gli interventi sul patrimonio edilizio esistente: modelli e buone pratiche (14 ore)
– La ricostruzione dei tessuti urbani: modelli e buone pratiche (14 ore)
– Le procedure per l’intervento post sisma: il caso emiliano (14)
– UMI, Piani di Ricostruzione, Nuova programmazione (36 ore aula + 30 ore di Project Work)
– Prevenzione: miglioramento e adeguamento sismico del patrimonio esistente (10 ore aula)
– Buone prassi per la ricostruzione (40 ore)

Modalità formativa:
Aula, esercitazioni pratiche, casi di studio concreti, esperienze sul campo per l’interazione con focus group di cittadini, imprese e amministrazioni locali dei territori del cratere (Project Work con funzione di esercitazione finale).

Le principali figure coinvolte nella realizzazione del corso saranno definite dai soggetti promotori, di intesa con la Regione Emilia-Romagna, tra docenti, ricercatori, tecnici e liberi professionisti di riconosciuta competenza:

– Ingegneri, Architetti, Pianificatori, Geologi, dei quattro atenei dell’Emilia-Romagna;
– Dirigenti e funzionari della Regione, dei Comuni, delle Sovrintendenze, della Protezione Civile, dei Vigili del Fuoco;
– Rappresentanti di istituzioni sovra-nazionali e di università internazionali;
– Esperti e liberi professionisti;
– Amministratori e tecnici di imprese del territorio.

>>> Il corso, cofinanziato dal FSE, è gratuito <<<

INFORMAZIONI
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.laboratoriricostruzione-er.it
Dal 1° di settembre sarà attivo il seguente indirizzo di posta elettronica.
info@laboratoriricostruzione-er.it

ISCRIZIONI
Per iscriversi al corso è necessario compilare il modulo online sul sito entro il 30/09/2013