A tutti gli Iscritti.

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 9 aprile 2013, n. 83 il Decreto del Ministro dello Sviluppo Economico (MISE) 19 marzo 2013 che istituisce presso il Ministero l’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata delle imprese e dei professionisti (INI-PEC).
Il portale telematico realizzato ai sensi dell’articolo 6 bis del CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale), in attuazione dell’articolo 5, comma 3 del decreto così detto “Sviluppo Bis” (DL n.179/2012), contiene elenco degli indirizzi PEC di imprese societarie, individuali e professionisti e sarà consultabile on-line senza necessità di autenticazione da:
• pubbliche amministrazioni
• professionisti
• imprese
• gestori di pubblici servizi
• esercenti di pubblici servizi
• cittadini
Il portale, suddiviso in due sezioni per “le imprese” e “per i professionisti” consente l’acquisizione dei relativi dati in formato aperto (open data) e sarà realizzato con il sistema pubblico di connettività (SPC), ovvero l’insieme di infrastrutture tecnologiche che permettono di condividere, integrare e diffondere il patrimonio informativo e dei dati della PA, nel rispetto della sicurezza e riservatezza delle informazioni.
La disponibilità pubblica degli indirizzi PEC di imprese e professionisti permetterà un valido e più diffuso utilizzo delle comunicazioni informatiche fra cittadini, imprese, professionisti e pubbliche amministrazioni.
Entro il prossimo 8 giugno, in collaborazione con InfoCamere, di cui il Ministero si avvale per la realizzazione di tale servizio, sarà effettuato Il trasferimento telematico dei dati già presenti nel registro delle imprese e di quelli in possesso dagli ordini e collegi professionali.

LA PRESENTE QUINDI A RICHIEDERE A TUTTI GLI ISCRITTI CHE ANCORA NON LO AVESSERO FATTO, DI COMUNICARE TEMPESTIVAMENTE A QUESTO ORDINE IL PROPRIO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA AL FINE DI ESSERE INSERITI ALL’INTERNO DI SUDDETTO ELENCO, ENTRO E NON OLTRE IL 26 MAGGIO 2013 PER POTER RISPETTARE I TERMINI DI INVIO DEI DATI PRESSO IL MINISTERO.

Si ricorda a tal proposito che l’obbligo di dotarsi di una casella certificata è stabilito in base al D.L 185/2008 trasformato in Legge n. 2/2009 (art. 16 dal comma 5 al 10) per cui tutti i professionisti iscritti ad albi professionali devono attivare una casella di Posta Certificata “Professionale” e comunicare al proprio Ordine di appartenenza il nome della propria PEC in modo da permettere all’Ordine di rendere disponibile agli Enti Pubblici che ne fanno richiesta tutti gli indirizzi PEC dei propri iscritti.

Tutti gli iscritti che NON hanno ancora provveduto all’acquisto della PEC possono procedere come da indicazioni seguenti per poter acquistare i prodotti:

PEC – Posta Elettronica Certificata

1. Accedere al sito di Aruba: https://www.pec.it
2. Selezionare dal menù in alto , oppure dal menù a tendina sulla banda laterale a sinistra e poi , oppure ancora nella Home page al centro selezionare il banner rosso
3. Scegliere la tipologia della casella certificata che si desidera (Standard/Pro/Pro+sms) verificarne i dettagli e procedere con l’acquisto verificando la disponibilità della casella PEC nell’apposito spazio, scegliendo il dominio (@pec/@arubapec/@mypec/@gigapec). Poi cliccare sul pulsante .
4. Una volta terminata la procedura riceverete tramite mail la comunicazione di avvenuta certificazione della vostra casella di posta elettronica certificata con in allegato la dichiarazione di certificazione e nel testo della mail i link con le istruzioni per procedere all’attivazione.
5. Per accedere alla WebMail: https://webmail.pec.it/index.html
6. Per la gestione della casella Pec e delle relative funzionalità: https://gestionemail.pec.it
7. Una volta terminato l’acquisto e attivata la casella COMUNICARE TEMPESTIVAMENTE A QUESTO ORDINE L’INDIRIZZO PEC in questione appena acquistato. Quest’Ordine infatti ha il dovere, qual’ora venisse richiesto da altri Enti pubblici, di fornire elenchi aggiornati dei contatti dei propri iscritti. Si può procedere a questa comunicazione tramite semplice mail all’indirizzo ordarcfe@tin.it.

Si ricorda altresì che al momento dell’attivazione ogni iscritto dovrà procedere IN AUTONOMIA anche alla comunicazione dello stesso indirizzo PEC a INARCASSA. Inarcassa infatti a partire dal 1 settembre 2012 utilizza la PEC in via esclusiva per la trasmissione di tutti gli atti, comunicazioni o servizi. Pertanto, tutti gli ingegneri ed architetti, iscritti e non iscritti ad Inarcassa, le Società di ingegneria e le Associazioni di Professionisti che non hanno ancora comunicato un indirizzo PEC (anche con estensione .gov,) dovranno farlo al più presto per definirsi in regola. L’indirizzo PEC deve essere comunicato tramite l’apposita funzione su Inarcassa On Line nella sezione ‘I tuoi dati’.
La mancata comunicazione entro il termine previsto e secondo la modalità indicata, comporta dal 1 settembre per gli utenti di Inarcassa On Line una limitazione del servizio alle sole funzioni di inserimento della dichiarazione telematica e relativi pagamenti (accesso light). Tutti gli altri servizi (consultazione dell’estratto conto, simulazioni di calcolo delle prestazioni, richiesta della certificazione di Regolarità contributiva e di versamento, finanziamenti e prestiti d’onore) saranno riabilitati solo al momento della trasmissione dell’indirizzo PEC.